Habemus delibera…ma la battaglia continua!

Eccoci a riprendere le attività del Comitato dopo la pausa natalizia. Innanzitutto, buon anno a tutti. Speriamo che il 2013 sia all’altezza delle nostre aspettative e dei nostri bisogni.

Un altro  grande passo avanti per la causa del Comitato è stato compiuto: è finalmente stata redatta la delibera  anti- Elcon che i nove sindaci della Valle Olona, facenti parte del “Tavolo permanente dello sviluppo sostenibile”, avevano promesso di realizzare.  La delibera è stata approvata dalle Giunte dei Comuni di Castellanza e Marnate e verrà successivamente messa ai voti nei rispettivi Consigli Comunali, così come nei Consigli Comunali degli altri sette Comuni (Legnano, Olgiate Olona, Busto Arsizio, Fagnano Olona, Gorla Maggiore, Gorla Minore, Solbiate Olona). E’ stata poi inviata alla Regione Lombardia, alla Provincia di Milano, alla Provincia di Varese, alla Conferenza dei Sindaci dell’Alto Milanese e alla Prefettura di Varese.

Qui potete leggere il testo della delibera: Delibera 20.12.2012 [scaricabile dall’Albo Pretorio del Comune di Castellanza].

In essa si dice, sostanzialmente, quanto il Comitato ha sempre sostenuto dal 14 aprile scorso: l’ impianto proposto da Elcon NON può essere realizzato in un’area così fortemente congestionata  com’è la Valle Olona. Sulla base di ciò i Consigli Comunali dei nove Comuni sopra citati esprimono il loro netto parere contrario all’insediamento dell’impianto.

Vi chiederete: e adesso? Dunque, vediamo di fare il punto della situazione.

La delibera è un atto importantissimo, cui siamo giunti dopo un cammino lungo e faticoso . Si tratta della posizione formale di nove amministrazioni comunali, che rappresentano circa 300 mila abitanti della Valle Olona. Queste nove amministrazioni, unite, hanno deciso di fanno sentire la loro voce tramite lo strumento della delibera per dire che il loro territorio presenta una situazione ambientale già compromessa, che non sopporterebbe la realizzazione di un impianto di smaltimento rifiuti tossici.

Come abbiamo ribadito nell’incontro del 24 novembre, la decisione di realizzare un impianto come quello proposto da Elcon nell’area ex Montedison è una decisione di carattere politico, in quanto riguarda il tipo di futuro che si vuole dare ad un intero territorio. Pertanto tale decisione non è demandabile ai tecnici regionali: i politici, a tutti i livelli, a partire dagli amministratori locali, devono avere voce in capitolo ed esprimersi per il NO.

Per queste ragioni, a nostro avviso, la vicenda avrebbe dovuto essersi conclusa da tempo, con il ritiro del progetto. Purtroppo così non è: i lavori della Conferenza dei Servizi, ad oggi, continuano e sembrano lontani da una conclusione (che sia per il si o per il no al progetto).  Il progetto, malgrado  abbia ricevuto numerose critiche, sia da punto di vista tecnico, sia da quello, più generico, della compatibilità ambientale (non stiamo a ripeterci: trovate nella sezione “Documenti” tutti i documenti prodotti da Comitato) e malgrado sia osteggiato da un intero territorio (cittadini e amministratori locali), non è stato ritirato.

Per questo non possiamo mollare la guardia. Consapevoli del corposo lavoro che è stato fatto nei mesi scorsi e dei risultati che abbiamo ottenuto, ma anche coscienti del fatto che la battaglia non si è conclusa e il 2013 richiede, ancora una volta, il nostro massimo impegno. 

La prossima azione del Comitato sarà mirata ad organizzare per i primi giorni di febbraio (molto probabilmente SABATO 9 febbraio) un incontro pubblico con i candidati alla presidenza della Regione e con i candidati al Consiglio Regionale. In vista delle consultazione elettorali, sottoporremo ai candidati il nostro problema con Elcon, come anche gli altri problemi ambientali della zona. Tenetevi sempre aggiornati leggendo il sito, oppure partecipando alle riunioni del Comitato, ogni giovedì sera, ore 21.30, presso il Circolo Famigliare Airone 2 di Castellanza. A breve riceverete notizie più dettagliate sull’incontro! 

Annunci